home bacheca l'Istituto area
insegnanti
area
genitori
area
alunni
spazio
interattivo
attività varie mappa
IL CIRCOLO
i nostri plessi
il territorio
organizzazione
il POF
dirigente
segreteria
IL NOSTRO POF: anno scol. 2003 - 2004
Il nostro POF è on-line anche sul sito dell'Indire



Mappa dei contenuti
Identità del Circolo
La scuola
La scuola dell'infanzia
Articolazione del Curricolo
Formazione
Valutazione
Continuità territorio rete
Organizzazione
Appendice:
schede relative ai singoli progetti
copertina pof
MAPPA DEI CONTENUTI
mappa dei contenuti
torna su
IDENTITA' DEL CIRCOLO

ANALISI DEL CONTESTO E DEI BISOGNI
Putignano è una cittadina di circa 30.000 abitanti, con una connotazione economico-sociale di tipo artigianale/industriale, caratterizzata da una notevole propensione all'imprenditorialità.
Il tessuto produttivo è costituito da una fitta rete di piccole e medie imprese di abbigliamento, di abiti da sposa, alimentari… Notevole è anche lo sviluppo del terziario.
Tutto ciò ha prodotto storicamente una società socialmente e culturalmente dinamica e aperta.
Dal punto di vista urbano, vi è una diffusa integrazione sociale, tranne che per alcune aree periferiche ( quartiere S. Pietro Piturno ).
A fronte della notevole dinamicità e forza economica, ci sembra che sia mancato, fin qui, nel nostro territorio un adeguato progetto di sviluppo culturale.
Tranne che per il Carnevale, registriamo una scarsa attenzione istituzionale ai processi di produzione, promozione e diffusione della cultura e ai fattori di miglioramento della qualità della vita sociale dei cittadini.
Mancano luoghi pubblici di promozione e produzione culturale, luoghi di incontro e aggregazione, e specificamente mancano servizi pubblici per l'infanzia e l'adolescenza ( ludoteche, centri di aggregazione, palestre pubbliche…). Una prima esperienza di servizio all'infanzia promossa dall'ente pubblico è finalmente partita, a ottobre del 2001, con i fondi della legge 285/97, limitatamente al quartiere S. Pietro Piturno.
Per il resto il settore delle politiche culturali è stato, in gran parte, lasciato all'iniziativa, meritoria, ma limitata o episodica e non strutturale, delle Associazioni di base e del volontariato sociale, o all'imprenditoria privata ( palestre, strutture per il tempo libero… ).
Inoltre, soltanto negli ultimi anni si è lavorato, e per iniziativa della scuola, ad intese di programma interistituzionali che portassero ad un progetto formativo integrato.
In questo contesto la scuola costituisce, quindi, il polo principale, se non l'unico, di formazione, aggregazione, socializzazione ed elaborazione culturale, e le aspettative della comunità nei confronti di essa riguardano sia l'istruzione e la formazione primaria in senso stretto, che opportunità formative ulteriori.
Si richiede alla scuola che essa sia, sempre più, luogo attrezzato, fisicamente e culturalmente, ad accogliere bisogni e aspettative di un'intera comunità. Il luogo in cui più generazioni possano incontrarsi, scambiare e costruire insieme significati e cultura. Il luogo che svolga il compito di primo e più importante laboratorio sociale di democrazia e di convivenza civile. Il luogo in cui tutta una comunità educativa ( docenti, genitori, personale ATA, bambini…) si possa confrontare e possa contribuire a progettare e a costruire formazione, definendone valori, criteri e obiettivi.
Ma anche il luogo che prenda in carico i bambini e risponda in modo globale e sistemico ai loro bisogni evolutivi. Il luogo in cui i bambini possano trovare attività, esperienze, occasioni, non necessariamente scolastiche in senso stretto, che promuovano la loro crescita personale e collettiva.
Le principali richieste formative riportate dai nostri alunni e dalle loro famiglie riguardano, fondamentalmente:
  • Alti standard nelle competenze di base
  • Sostegno affettivo e sviluppo della competenza emozionale e relazionale
  • Sviluppo delle risorse di ognuno
  • Promozione della persona e di tutte le sue componenti
  • Sviluppo della creatività
  • Personalizzazione dei percorsi
  • Opportunità di sviluppo delle eccellenze e di recupero nelle aree di debolezza
  • Percorsi integrativi sulla manualità, l' espressività (arte, teatro, musica..),·
  • Multimedialità e l'alfabetizzazione informatica
  • Lingue straniere
  • Incremento delle attività ludico-sportive,
  • Iniziative significative di raccordo, confronto e condivisione con le famiglie.
A fronte di queste aspettative la nostra scuola si impegna ad offrire un significativo arricchimento dell'offerta formativa, che vada a integrare le attività curriculari e a rispondere ai bisogni riportati dalla collettività, tenendo però conto di alcune priorità, per noi fondamentali:
  • Il diritto dell'infanzia al tempo libero. I bambini non vanno oppressi con impegni eccessivi e stressanti, che, come spesso avviene, li costringono a correre e a passare da un'attività all'altra, da un luogo all'altro, già precoci vittime del "male" della modernità: lo stress del tempo incalzante e della velocità inconcludente.
  • Il dare peso e attenzione allo sviluppo della molteplicità delle intelligenze, permettendo a inclinazioni e talenti di trovare aree e possibilità di espressione.
  • Costruire un curricolo di apprendimenti fondati sull'esperienza concreta, sulla manualità, sul fare, oltre che sul dire, sul laborare (da cui, laboratorio) come fase necessaria ad ogni e-laborare.
torna su
LA SCUOLA

DATI GENERALI : Dimensioni e caratteristiche del Circolo Didattico e della sua popolazione.
Il 2° Circolo "A. De Gasperi" di Putignano nasce negli anni '70

N° insegnanti che vi lavorano: 81
N°alunni di scuola elementare: 636
N° alunni di scuola dell'infanzia: 211

Personale ATA
N° addetti alla segreteria: 4

Dirigente scolastico: Prof. Mario Lacalandra

Direttore dei servizi amministrativi: Rag. Maria Colucci

Il circolo è composto di due plessi di scuola elemetare e di due di scuola dell'infanzia:
  • SCUOLA DELL'INFANZIA S. NICOLA
  • SCUOLA ELEMENTARE "A. DE GASPERI"
  • SCUOLA ELEMENTARE "LAMA DEI PAMPINI"
torna su
LA SCUOLA DELL'INFANZIA

La scuola dell’infanzia svolge un compito fondamentale nel promuovere, già in età precoce, processi di crescita personale e culturale dei bambini. Essa, infatti, non solo inizia i bambini più piccoli, in modo consapevole e sistematico, alla comprensione dei sistemi simbolici della nostra cultura, ma dà un contributo fondamentale nel rimuovere da subito eventuali ostacoli socio-culturali all’apprendimento e garantisce, così, il futuro successo scolastico di tutti.

IL CURRICOLO
Le attività proposte si ispirano ai “Campi d’esperienza” degli Orientamenti
per la Scuola dell’Infanzia del ’91.
E’ a partire, infatti, dai sitemi simbolico-culturali in essi delineati che la nostra Scuola dell’Infanzia offre ai bambini, con efficaci e sperimentati percorsi didattici, gli stumenti e i supporti indispensabili per entrare nel mondo della cultura e avviare processi di crescita ed evoluzione personale e sociale.
A - Curricolo di base: campi d’esperienza

1. Il Sé e l’Altro
2. Corpo, movimento, parole
3. Fruizione e produzione di messaggi
4. Esplorare, conoscere e progettare
B - Curricolo integrativo
progetti di arricchimento e ampliamento dell’offerta formativa, in orario curriculare ed extra curriculare 1. Progetto lingua 2000
2. Progetto di educazione ambientale
3. Progetto: “Natale in solidarietà”
4. Progetto: “Carnevale in fantasia”
5. Progetto: “C’era una volta…”
6. Visite didattiche nel territorio
7. Progetto: “Scuola aperta”

Organizzazione team di docenza - 2 insegnanti per ogni sezione.
- Insegnante di sostegno per bambini diversamente abili, laddove previsto. Tutti gli insegnanti di ogni sezione sono contitolari e corresponsabili del progetto formativo.
Le attività didattiche vengono progettate in gruppi di lavoro di intersezione.

Il tempo scuola
Ore 8 :00 - 9:30 Accoglienza
9:30 – 11:30 Attività didattiche (linguistiche, manipolative, di ascolto, motorie, di quantificazione, di simbolizzazione, di classificazione)
11:30 – 12:00 Preparazione al pranzo
12:00 – 13:00 Pranzo
13:00 – 13:45 Attività didattiche nel grande gruppo (motorie, canore, ludiche…)
13:45 – 14:30 Attività didattiche, come al mattino
14:30 – 15:00 Riordino delle sezioni
15:00 – 16:00 Preparazione per i vari turni di uscita

Valutazione La valutazione è sistematica ed è dettata dall’osservazione quotidiana di ogni aspetto del bambino, dalla valorizzazione delle sue risorse e abilità, da ogni suo prodotto.
La comunicazione con i genitori e i loro rappresentanti è periodica.
Incontri individuali con genitori, se resi necessari da importanti ragioni, sono previsti al di fuori dell’orario di servizio.

Progetti specifici di arricchimento dell’offerta formativa.

Progetto: Natale di solidarietà
L’universalità e la pregnanza dei messaggi legati al Natale saranno vissuti anche nel contesto scolastico. ATTIVITA’
· Allestimento di un presepe e realizzazione di addobbi natalizi
· Visita ai presepi della nostra città
· Organizzazione di un raccolta di beneficenza per i poveri e i bisognosi
· Intervista ai nonni, alla scoperta delle vecchie tradizioni natalizie
· Canti e poesie tematici
PER CHI
Tutti i bambini
QUANDO
In orario curriculare, per la durata di circa un mese.

Progetto: C’era una volta
Dalla realtà alla fantasia La struttura narrativa degli eventi è la forma naturale con cui gli uomini creano significati e danno senso al mondo. Nei bambini questo “bisogno di racconto” è ancora più essenziale. Attraverso il narrare, fantastico o realistico che sia, essi imparano a comprendere il mondo e ad orientarsi in esso; acquisiscono fondamentali competenze di linguaggio; sviluppano capacità cognitive fondamentali.
ATTIVITA’
· Ascoltare, drammatizzare, inventare storie
· Giochi di simulazione
· Utilizzo di diverse forme espressive ( disegno, pittura, costruzione di piccoli manufatti…)
PER CHI
N° 78 bambini, frequentanti l’ultimo anno
QUANDO
In orario extra scolastico.
N° 7 incontri di 2 ore ciascuno, dalle ore 16:00 alle ore 18:00. da marzo a maggio.
DOCENZA
N° 11 docenti curriculari.
VERIFICHE E VALUTAZIONE
Osservazioni sistematiche; confronti con le famiglie; Documentazione del percorso.

Progetto: Carnevale in fantasia
Progetto in rete fra le scuole dell’infanzia “S. Nicola I” e “S. Nicola II” Il Carnevale, tanto sentito e tanto presente nella nostra comunità, fornisce ispirazioni espressive formidabili. Imparare a preparare e a utilizzare alcuni materiali tipici in esso usati (la cartapesta) può fornire ai bambini la possibilità di comprenderne e ricrearne la “magia”.
ATTIVITA’ · Osservazione del patrimonio ambientale
· Conoscenza e storia del Palazzo del Balì
· Progettazione e realizzazione di un castello di cartapesta.
· Partecipazione alle sfilate di carnevale
PER CHI
N° 80 bambini di 5 anni.
Tutti i bambini della scuola partecipano alla sfilita.
QUANDO
In orario extra curriculare.
Incontri di 2 ore, dalle 16:00 alle 18:00, il martedì e il giovedì, da gennaio a febbraio.
DOCENZA
N° 9 docenti curriculari (3 per “S. Nicola I” e 6 per “S. Nicola II” )
N° 1 coordinatore
VERIFICHE E VALUTAZIONE
Osservazioni, confronti di gruppo, confronto con le famiglie, documentazione.

Progetto: Scuola aperta
La scuola, alla fine dell’anno scolastico, organizza dei momenti strutturati di condivisione con le famiglie in cui vengono presentati materiali e documentazioni dei percorsi didattici, performances ludico-didattiche…  

torna su
ARTICOLAZIONE DEL CURRICOLO PRINCIPI E FINALITA'

La nostra scuola intende:
  • Garantire il valore irrinunciabile del pluralismo didattico e culturale
  • Garantire la libertà di insegnamento dei docenti che è sola in grado di promuovere la cultura e la formazione
  • Garantire nel miglior modo possibile la formazione umana e critica degli alunni
  • Garantire la coerenza con il sistema nazionale d'istruzione pubblica, basato sulla trasmissione di valori educativi, non su competenze meramente strumentali, che mirano alla formazione, prima di tutto dell'uomo e del cittadino.
  • Garantire l'osservanza dei programmi didattici nazionali·
  • Garantire lo sviluppo globale della personalità dei bambini, avendo cura di promuovere non solo l'intelligenza linguistica e logico-matematica, ma anche le intelligenze musicale, artistica, corporea-cinestesica, relazionale e intrapersonale.
OBIETTIVI FORMATIVI
  • Educare alla cooperazione, alla legalità, alla democrazia e alla pace
  • Educare al valore della partecipazione, della responsabilità e del senso di appartenenza ad una comunità.
  • Educare ad una cultura ecologica
  • Educare alla creatività
  • Educare al confronto e alla capacità di assumere punti di vista differenti
  • Educare alla gestione e alla soluzione pacifica dei conflitti
  • Educare alla comprensione e al rispetto di sé e degli altri
STRATEGIE E MODELLI
La nostra scuola si impegna:
  1. A promuovere tutte quelle azioni che possano accrescere il benessere nella vita scolastica, con particolare attenzione alle componenti relazionali e affettivo-emozionali del processo formativo. Sono questi, infatti, i fattori fondamentali di base dello sviluppo della motivazione all'apprendere. Un contesto di relazioni positive e di esperienze motivanti e gratificanti è una condizione indispensabile per promuovere il successo scolastico dei nostri alunni.
  2. A differenziare dei percorsi didattici per favorire gli apprendimenti in tutti gli alunni
  3. A porre attenzione e cura a tutte le componenti della persona: componente socio-affettiva, emozionale, cognitiva...
  4. A promuovere lo scambio di esperienze fra alunni di classi diverse e con alunni di altre scuole
  5. A promuovere attività di rete con altre scuole o altri enti
  6. A produrre azioni di sostegno per gli alunni in difficoltà
  7. Azioni per lo sviluppo di eccellenze
  8. Ad arricchire l'offerta formativa con attività ludico-sportive e laboratoriali
  9. A favorire lo scambio di esperienze e metodologie fra gli insegnanti
  10. A sostenere la formazione continua degli insegnanti
  11. A produrre e promuovere percorsi di formazione per genitori
IL CURRICOLO
Il piano di studi, per gli alunni della nostra scuola, è costituito, fondamentalmente, dal "Curricolo di base", costruito sui Programmi nazionali vigenti, al quale si aggiungono, in modo coerente ed integrato attività dal "Curricolo integrativo".

A - Curricolo di base: - Area linguistica (italiano)
- Area logico matematica (matematica e scienze)
- Area antropologica (storia, geografia e studi sociali)
- Lingua straniera (inglese o francese)
- Educazione motoria
- Educazione al suono e alla musica
- Educazione all'immagine
- Religione cattolica
- Alfabetizzazione informatica (prioritariamente nelle classi di prima e seconda elementare)
I programmi , per ognuna di queste aree ed educazioni, sono quelli previsti dai programmi ministeriali tutt'ora vigenti. Essi stabiliscono anche gli standard di apprendimento cui gli alunni devono giungere.


In conformità alle indicazioni contenute nella Circolare Ministeriale del 22 luglio ‘03 e nella Circolare Ministeriale n° 68, dell’8 agosto ’03, nella nostra scuola si avviano, già a partire dall’anno scolastico 2003-04, i primi processi di introduzione della Riforma della Scuola Primaria ( legge n° 53/2003 ).
Questi processi consistono essenzialmente nella generalizzazione, in tutte le classi di prima e seconda elementare, degli insegnamenti di lingua inglese e alfabetizzazione informatica, secondo il seguente impegno orario:
- Lingua inglese:
1 ora settimanale, in prima elementare
2 ore settimanali , in seconda elementare

- Alfabetizzazione informatica: 1 ora settimanale, sia in prima che in seconda elementare

Questi insegnamenti saranno impartiti in orario curriculare e con l’utilizzo di risorse professionali interne al nostro Circolo

B - Curricolo integrativo:
Alfabetizzazione informatica, linguaggi multimediali e uso delle nuove tecnologie.
Laboratori di creatività (manualità, teatro, musica, arti visive…)
Progetto: Ateliers di lettura e scrittura creativa
Visite guidate e viaggi d’istruzione Progetto speciale musica
Progetto sport a scuola
Progetto cinema
Progetto accoglienza
Progetto scuola aperta
Progetto “Non uno di meno” Progetto solidarietà
Progetto affido familiare
Il giornalino della scuola: “ Pianet@scuola”
Il Natale
Il Carnevale
progetto “Comenius”
progetto "Cicla che ti ricila"
Partecipazione a manifestazioni esterne


Tutte le attività previste nel curricolo integrativo, nei progetti speciali e nelle attività varie, sono attività aggiuntive che la nostra scuola progetta e realizza nella propria autonomia. Esse cotituiscono un ulteriore arricchimento della nostra offerta formativa e rispondono ai bisogni formativi posti dalla nostra utenza.

(vedi in appendice schede informative dettagliate sui singoli progetti ).

ORGANIZZAZIONE TEAM

Il team di docenza per ogni classe è così costituito:
  • Insegnante area linguistico espressiva
  • Insegnante area matematica e scientifica
  • Insegnante area antropologica
  • Insegnante di religione cattolica (in quelle classi che non hanno già lo specializzato interno)
  • Insegnante di lingua straniera (in quelle classi che non hanno già lo specializzato interno)
  • Insegnante di sostegno (nelle classi alle quali è attribuito)
  • Insegante di laboratorio di informatica, dive previsto
Tutti i docenti del team sono contitolari e corresponsabili dell'attività didattica.
Essi si impegnano a costruire percorsi didattici ed educativi condivisi e a carattere interdisciplinare che garantiscano l'unitarietà dell'insegnamento.

Le ore di contemporaneità:
* Saranno utilizzate prioritariamente per le supplenze brevi
* Una parte di esse sarà destinata alle attività di supporto all’utilizzo del laboratorio di informatica.

La verifica e la programmazione didattica per la scuola elementare si svolge ogni quindici giorni, di lunedì, dalle ore 15:30 alle ore 19:30.
La verifica e la programmazione didattica per la scuola dell’infanzia si svolge mensilmente, di lunedì dalle ore 16:00 alle ore 18:00.

RELAZIONI EDUCATIVE

Per relazioni educative intendiamo:
· Il clima che caratterizza l'ambiente scolastico.
· Il tessuto e la qualità delle relazioni interpersonali, valori, norme.
· Gli spazi, le attrezzature e le relative modalità d'uso.

In un ecosistema formativo, quale la scuola è, il curricolo si fa dappertutto e i soggetti coinvolti sono, quindi, tutte le persone che condividono, a vari livelli, l’ambiente scuola: docenti, bambini, personale ausiliario, personale di segreteria, dirigente scolastico, genitori, rappresentanti di enti ed istituzioni collegati.
Il fine che noi perseguiamo è quello di creare, nella pratica e nella molteplicità delle relazioni quotidiane, una comunità scolastica quale organica comunità educativa.
La qualità della relazione educativa è centrata per noi su alcune priorità:
* Condivisione e corresponsabilità delle scelte fra i docenti, avendo cura di:
a) migliorare la comprensione reciproca sul piano professionale e personale
b) rendere effettiva la parità fra gli insegnanti
c) cooptare nei processi anche il personale ausiliario e il personale di segreteria
d) rendersi disponibili alla collaborazione all’interno delle proprie classi e con classi diverse.

* Adozione da parte di tutti di atteggiamenti quali:
a) disponibilità all’ascolto (verso i bambini, soprattutto, ma anche verso i genitori e fra i docenti stessi)
b) cura e presa in carico di tutti i bambini, rendendosi disponibili ad interagire con bambini di altre classi, sia in momenti formalizzati che in momenti informali
c) controllo dei processi che possano portare a relazioni conflittuali.

torna su
FORMAZIONE

FORMAZIONE DOCENTI

Non si può educare senza educarsi. Non si può insegnare senza continuare ad imparare.
La formazione continua è, quindi, un elemento fondamentale e imprescindibile della qualificazione professionale di noi docenti, contribuendo a sviluppare competenze ulteriori e ad accrescere la qualità di quelle già possedute. Noi docenti continuiamo, in modo sistematico, ad aggiornarci e a formarci per garantire una migliore qualità dell'offerta formativa.
La formazione è distinguibile in una formazione ed autoformazione implicita ed in una formazione esplicita.

Formazione implicita
  • avoro personale di ricerca, studio, scambio di esperienze…
  • Partecipazione a gruppi di studio
  • Partecipazione a gruppi di lavoro con compiti di coordinamento e progettazione
  • Partecipazione a gruppi di confronto, verifica, controllo e valutazione dei processi messi in atto.
  • Partecipazione a gruppi di lavoro su progetti di particolare rilevanza
Formazione esplicita
Corsi strutturati ed istituzionali di aggiornamento e formazione su alcuni aspetti normativi, didattici e metodologici.
Questi corsi sono erogati direttamente dalla nostra scuola o da altri enti riconosciuti.

Per l'anno scolastico 2003/04, si organizzeranno corsi di formazione in:
  1. Uso delle tecnologie informatiche
  2. Conoscenza della nuova legge di riforma della scuola di base
  3. Problematiche alunni svantaggiati

FORMAZIONE GENITORI

La nostra scuola organizza annualmente dei corsi di formazione per genitori.
Riteniamo, infatti che il coinvolgimento e la condivisione con i genitori del percorso formativo dei bambini sia un fattore essenziale per il loro successo scolastico.

OBIETTIVI
  • Migliorare la relazione scuola-famiglia nell'ottica di un dialogo positivo e della promozione di interventi unitari e condivisi.
  • Fornire strumenti di lettura e comprensione delle principali dinamiche evolutive della personalità dei bambini.
  • Offrire momenti strutturati e guidati di confronto sulle principali problematiche relative al ruolo genitoriale.
  • Sollecitare forme di crescita personale e collettiva
  • Far prendere consapevolezza delle caratteristiche dei propri stili educativi al fine di migliorarne l'efficacia.
ATTIVITÀ'
Il percorso formativo prevede momenti di informazione e momenti di esercitazione di gruppo attraverso simulate, role-play, presentazione di casi....

ORGANIZZAZIONE
  • Modulo di base: questo modulo, di “sensibilizzazione”, è indirizzato ai genitori che partecipano per la prima volta al percorso formativo ( genitori degli alunni delle prime classi e dei nuovi iscritti alla scuola dell'infanzia)
  • Modulo avanzato: Questo modulo, di approfondimento, è indirizzato a quei genitori che hanno già fatto il primo modulo e sarà realizzato in rete con il I Circolo Did. di Putignano, mettendo in comune risorse economiche ed organizzarive
DESTINATARI
N° 40 genitori di scuola dell'infanzia ed elementare, per il primo modulo.
N° 30 genitori di scuola elementare e dell'infanzia, per il secondo modulo.

ORE
Modulo di base: 12 ORE
Modulo avanzato: 14 ORE

torna su
VALUTAZIONE

La valutazione nella e della scuola è ormai uno strumento pedagogico necessario . La valutazione non è l’emettere giudizi o lo stilare graduatorie. La valutazione è la capacità della scuola di valutare se stessa, cioè di controllare i processi e farli oggetto di intelligenza. E’ la capacità di imparare dalle cose che funzionano e di cambiare quelle che non funzionano.
La valutazione è una strategia per il miglioramento della scuola: serve a migliorare le prestazioni e i risultati della nostra scuola.
Per noi la valutazione, ogni valutazione, ha sempre un valore formativo e di promozione e si lega al significato che diamo alla frase “sentirsi valutato”, cioè riconosciuto, apprezzato, stimato, promosso. La valutazione del nostro ecosistema formativo si esprime in:

Valutazione didattica
valuta gli esiti e i processi degli apprendimenti, e specificamente valuta:
- Conoscenze dichiarative: contenuti, informazioni, dati, saperi..
- Conoscenze procedurali: relative al saper fare, a metodi e strumenti di organizzazione del pensiero
- Conoscenze immaginative: relative ai linguaggi, alle rappresentazioni, ai modi di pensare e trasferire pensieri. Le valutazioni sono sistematiche e svolgono un’importante funzione di feedback per la programmazione didattica.
La valutazione, riportata sui documenti di valutazione, è quadrimestrale.
La comunicazione ai genitori e ai loro rappresentanti è bimestrale.

Valutazione d’istituto e di sistema
valuta le caratteristiche del servizio erogato : standard raggiunti, organizzazione, metodologie, relazioni, processi…
Serve a:
- chiarire quali sono le aree di eccellenza e le aree di debolezza del nostro sistema
- Quali sono le procedure più o meno efficaci messe in atto
- Migliorare la qualità dell’offerta formativa
Come.
Con osservazioni, interviste, confronti collettivi
Quando.
Sempre, in quanto strumento necessario di programmazione, realizzazione e controllo dei processi.
In modo sistematico e guidato, alla conclusione delle attività.
Chi.
A cura di tutti i gruppi di lavoro e/o, specificamente, del gruppo di lavoro delle F.O. , e del Dirigente scolastico Documenti.
Relazione di sintesi conclusiva a cura delle F.O. e del Dirigente.

torna su
CONTINUITA' TERRITORIO RETE

“Per educare un bambino ci vuole un intero villaggio”, afferma una massima africana.
Assodato che l’istruzione è permanente e diffusa, che cioè dura tutta la vita e si esplica ovunque, ma che nella scuola essa è intenzionale e sistematica, è importante per noi promuovere un modello formativo integrato che abbia nella scuola il suo fuoco e che coinvolga famiglia , altri istituti scolastici ed enti operanti nel territorio.
L’obiettivo è quello di costituire una rete che crei sinergie e colleghi in modo sistemico risorse ed interventi. Una tale rete ha per noi il valore che la rete ha nel circo: far sentire più sicuri i nostri ragazzi e consentire loro delle prestazioni migliori.
Siamo in rete:

A - CON LE FAMIGLIE
Scuola e famiglia condividono il medesimo fine: l’educazione dei nostri bambini. La relazione fra insegnanti e famiglie, la condivisione fra essi dei valori, degli obiettivi e delle azioni formative, è condizione necessaria al successo scolastico degli alunni.
La nostra scuola ricerca e promuove sistematicamente questo scambio fra scuola e famiglia al fine di rendere trasparenti, coerenti, congruenti e partecipati tutti gli interventi e avendo cura di distinguere funzioni e responsabilità in virtù delle differenze di ruolo.
Obiettivi
- Rendere la partecipazione costante, attiva, e diffusa
- Accrescere la partecipazione democratica alle scelte
- Puntare sulla fiducia reciproca, a partire dalla chiarezza delle comunicazioni
Azioni
INCONTRI FORMALIZZATI
- Assemblee di classe (sc. Elementare ) ; assemblee generali (sc. dell’infanzia )
- Riunioni con rappresentanze ( consigli di interclasse e di sezioni )
- Colloqui individuali ( in orario appositamente dedicato )
- Progetto “parliamone insieme”: sportello settimanale col Dirigente Scolastico su
tematiche e problematiche anche non strettamente scolastiche. Ogni sabato dalle ore 10 alle ore 12.
INCONTRI DI TIPO NON FORMALIZZATO
- Colloqui
- Scuola aperta per iniziative particolari
- Partecipazione a esperienze didattiche
PERCORSI FORMATIVI
Formazione per genitori (vedi FORMAZIONE)

B – CON ALTRI ISTITUTI SCOLASTICI
(scuola dell’infanzia, scuola media, altre scuole elementari) Obiettivi
- Costruire un percorso formativo progressivo e condiviso fra i diversi segmenti della scuola di base
- Prevenire le difficoltà che spesso gli alunni incontrano nei passaggi tra ordini di scuola diversi.
- Favorire la messa in comune di risorse ed esperienze Azioni
- Incontri sistematici fra insegnanti di scuola dell’infanzia e insegnanti di scuola elementare delle classi prime.
-Attività di confronto, informazione e orientamento fra insegnanti delle classi quinte e insegnanti della scuola media
- Progetti in rete ( progetto lettura; progetto speciale musica, progetto genitori)

C – CON ALTRI ENTI DEL TERRITORIO
(enti istituzionali: Comune, ASL; Associazioni di base, volontariato…) Obiettivi
- Costruire un sistema formativo integrato
- Sinergizzare e mettere in comune risorse
Azioni
- Progettazione condivisa
- Accordi di programma
- Collaborazione per interventi e progetti specifici
- Progettazione di azioni di supporto per bambini che presentino difficoltà di apprendimento.

D - CON L’UNIVERSITA’
La nostra è l’unica scuola del territorio che mantiene rapporti istituzionali con l’Università. La nostra scuola ha il compito, infatti, di organizzare e seguire le esercitazioni di tirocinio didattico per gli studenti della facoltà di “Scienze della Formazione” dell’Università di Bari.


torna su
ORGANIZZAZIONE



torna su
APPENDICE

Schede informative dettagliate su :
CURRICOLO INTEGRATIVO

Linguaggi multimediali e uso delle nuove tecnologie

Le nuove tecnologie informatiche determinano in modo sempre più significativo le modalità di apprendimento, comunicazione e lavoro. La nostra scuola promuove attività volte non solo ad apprendere l’uso del computer, ma, soprattutto, a sapersene servire a fini didattici e nelle normali attività curriculari.

Progetto : “Computer a scuola”.

Il progetto è rivolto prioritariamente alle classi I e II, in considerazione del DM 61.
ATTIVITA’
1^ elementare: - uso di programmi con giochi didattici finalizzati
- primo approccio all’uso di programmi di videoscrittura e di grafica 2^ e 3^ elem. : - Uso di programmi di videoscrittura e di grafica
- Utilizzo di software didattico 4^ e 5^ elem. : - Realizzazione di elaborati didattici multimediali di tipo ipertestuale
- Videoscrittura e gestione di immagini
- Utilizzo di Internet e posta elettronica. DOCENZA
Gruppo di referenza alla multimedialità QUANDO
In orario curriculare. VERIFICA E VALUTAZIONE
Confronto fra i docenti, a cura della F.O. di riferimento.

Progetto : “biblioteca on-line”
ATTIVITA’
Gestione on-line della biblioteca scolastica all’interno del sito della scuola PER CHI
Alunni di IV e V elementari
QUANDO
In orario curricolare DOCENZA
Gli insegnanti di IV e di V VERIFICA E VALUTAZIONE
A cura della F.O. di riferimento.

Il giornalino d’Istituto – Pianet@scuola
La nostra scuola pubblica un giornalino scolastico.
Il giornalino, che è collegato all’attività del laboratorio d’informatica, contiene materiale elaborato dai bambini, ma anche contributi di docenti e genitori.
PER CHI
- Tutti gli alunni, i docenti e i genitori che vorranno collaborare.
- Un gruppo di 12 ragazzi di tutte le IV e V elementari gestirà il lavoro di redazione e impaginazione.
DOCENZA
A cura della referente e della coordinatrice delle attività multimediali: insegnanti M. Rongo e Landi G.
QUANDO
Da gennaio a maggio, in orario extra curriculare. Due ore settimanali.
VERIFICA E VALUTAZIONE
A cura della F.O. di riferimento.

Progetto per il sito d’Istituto “Per una scuola in rete”
E’ stato realizzato in DHTML e PHP con database MySql, linguaggi che permettono di avere pagine dinamiche e interattive. Può essere utilizzato, quindi, sia da insegnanti che da genitori e alunni. In esso è possibile visionare le principali attività della scuola e, soprattutto, si possono utilizzare spazi di interazione (forum di discussione, chat, aree riservate nelle quali condividere riflessioni, esperienze, materiali…)
A cura della F.O. di riferimento

Progetto: Ateliers di lettura e scrittura creativa

Progetto in continuità con la scuola media “Parini”.
FINALITA’
Creare incentivi e motivazione alla lettura e alla scrittura.
Promuovere processi di progettazione condivisa e di raccordo pedagogico tra le diverse scuole.
PER CHI
Tutte le classi di 5^ elem. e le classi di 1^ media della scuola media “Parini”.
ATTIVITA’
Percorsi di animazione alla lettura e di scrittura creativa, con incontri di condivisione e scambio fra alunni di scuola elementare e alunni di scuola media.
QUANDO
Da Gennaio ad Aprile.
In orario curriculare, le attività con gli alunni
In orario extra curriculare, le attività di programmazione, confronto verifica e valutazione dei docenti.
DOCENZA
Gli insegnanti di 5^elementare
VERIFICA E VALUTAZIONE
A cura dei docenti coinvolti e della F. O. di riferimento, con interviste, schede di monitoraggio, confronto.

Progetto Sport a scuola

Il progetto è in rete con la società sportiva UISP ’80 di Putignano e prevede percorsi di attività ludico-sportive a cura degli operatori della UISP ’80.
Il progetto è già all’ottavo anno di attività.
Prevede attività ludico - sportive per tutti gli alunni che ne facciano richiesta, in orario extra scolastico
I docenti sono opratori dell’assoziazione U.I.S.P. 80

Progetto GIO.MO.VI. (Gioco - Movimento - Vita)

Progetto promosso dal Ministero della Pubblica Istruzione, dal CONI e dalla FIDAL.
Ha la finalità di avviare gli alunni all’attività motoria in modo ludico, sviluppando la percezione dello spazio, la coordinazione psicomotoria, la concentrazione, lo spirito di cooperazione.
ATTIVITA’
Giochi di carnevale
Danze etniche e folcloristiche
Avviamento alle discipline sportive
PER CHI
Tutti gli alunni di scuola elementare
QUANDO
In orario curriculare
DOCENZA
Insegnanti di educazione motoria dei team, guidati da un consulente esperto nominato dal C.S.A di Bari
VERIFICA E VALUTAZIONE
Interviste agli alunni, schede di monitoraggio, confronto con gli insegnanti. A cura del referente.


Progetto cinema. Scuola al cinema

Progetto d’interesse nazionale, promosso da CINECITTA’ HOLDING S.P.A., in collaborazione con il CENTRO STUDI FORMAZIONE SUPERIORE d’intesa con il MIN. PUBBL. ISTRUZIONE e il MIN. BENI CULTURALI.
Il progetto ha la finalità di promuovere la cultura cinematografica presso i bambini e prevede una rassegna di film per l’infanzia, presso la SALA MARGHERITA di Putignano
PER CHI
Tutti gli alunni che vogliano aderirvi
QUANDO
In orario curriculare
VERIFICA E VALUTAZIONE
Interviste agli alunni, schede di monitoraggio, confronto con gli insegnanti. A cura del referente.


Percorsi di creatività

Un fondamentale arricchimento dell’offerta formativa è costituito dai percorsi di creatività.
Si tratta di attività strutturate in veri e propri laboratori e che hanno il fine di far fare ai bambini esperienze di arricchimento e di incremento della creatività personale e di gruppo.
In questi laboratori saranno proposte ai bambini esperienze volte a sviluppare la molteplicità delle intelligenze e degli alfabeti. Ogni laboratorio potrà, così, progettare e organizzare esperienze sulla manualità (argilla, cartapesta, produzione di piccoli manufatti…) e sulla espressività (teatro, danza, musica, pittura…) che, pur essendo fondamentali processi di formazione di conoscenze e di raffinamento delle proprie competenze culturali, spesso trovano uno spazio insoddisfacente nelle usuali attività didattiche.
ORGANIZZAZIONE E ATTIVITA’
I team che riterranno utile e opportuno inserire nel proprio curricolo queste attività, dovranno elaborare, entro dicembre ’03, uno specifico progetto che verrà condiviso e discusso nelle assemblee dei genitori e, successivamente, condiviso e approvato dal Collegio Docenti.
PER CHI
Tutti gli alunni che ogni singolo progetto coinvolgerà.
QUANDO
In orario pomeridiano, da febbraio a maggio.
VERIFICA E VALUTAZIONE
Incontri con i genitori; monitoraggio dei processi; approntamento di strumenti per il controllo del raggiungimento o meno dei risultati attesi; elaborazione di una scheda finale di analisi e valutazione dell’intero processo.
A cura degli insegnanti coinvolti e della F.S. di riferimento.

Progetto speciale musica: “IL SUONO RITROVATO”

La musica è un fattore formativo di grandissima importanza, indispensabile all’evoluzione integrale ed armonica della persona. E’ un fattore di armonizzazione emozionale, di sviluppo della creatività e delle sensibilità estetica, nonché di fattori cognitivi fondamentali.
La nostra scuola promuove percorsi didattici orientati al far fare musica ai bambini, attivando processi non solo di fruizione ma soprattutto di produzione musicale.
La nostra scuola ha ricevuto specifico finanziamento ministeriale per divenire scuola polo e sede di un laboratorio musicale attrezzato che possa servire la scuola medesima, le altre scuole della rete, enti ed Associazioni del territorio. Scuole, enti e Associazioni della rete sono: Sc. Elem. I Circolo DI Putignano; Sc. Media “Parini” di Putignano; Sc. Media “Stefano da Put.” Di Putignano; Sc. Elem. I Circolo di Castellana G.; Sc. Elem. II Circolo di Castellana G.), e con altri enti del territorio (Comune di Putignano; Associazione “Coro Polifonico” di Putignano; S.I.E.M. – socità italiana educazione musicale – Bari.

ATTIVITA'
Allestimento del laboratorio musicale e del centro di documentazione
Il laboratorio è già parzialmente attrezzato ed entro quest’anno scolastico sarà completato. Attività curriculari ed extra curriculari di laboratorio musicale

“SUONI ELEMENTARI”
progetto mirato alla formazione di un’orchestra stabile dei bambini della scuola elementare.
Il progetto è al secondo anno di attività.
PER CHI
2 gruppi di 16 bambini di 4 e 5 elementare, un gruppo per ogni plesso. I bambini saranno gli stessi dello scorso anno.
QUANDO
Orario extracurriculare, per un totale di 30 ore per ogni gruppo, suddivise in incontri settimanali di 2 ore ciascuno.
ATTIVITA’
- Educazione all’ascolto consapevole
- Canti a una e più voci
- Musica e gestualità, movimento e danza
- Tecniche d’improvvisazione
- Musica d’insieme con lo strumentario Orff
DOCENZA
Il coordinatore del laboratorio musicale: insegn. Giuseppe Polignano
VERIFICHE E VALUTAZIONE
- Questionari in itinere per valutare il gradimento dei bambini e delle famiglie dell’attività
- Verifiche in itinere delle competenze acquisite
- Performances musicali conclusive


Attività di collaborazione e scambio con i partner della rete.
Concessione dell’utilizzo del laboratorio musicale alle scuole e agli enti che ne facciano richiesta, previa sottoscrizione di protocollo d’intesa.
Possibilità di prestito della strumentazione.
Attività di supporto e tutoraggio professonale per le tre scuole elementari delle rete, a cura del coordinatore del laboratorio.

Progetto accoglienza

L’ingresso nella scuola elementare è un momento di forte valore simbolico e rituale nella crescita dei bambini. Essi si caricano spesso, però, di ansie e timori che glielo potrebbero far vivere in modo negativo.
La nostra scuola ha cura che questo momento sia vissuto in modo felice, sereno e rassicurante. A tal fine organizza eventi ed attività che coinvolgano insieme i nuovi arrivati e i loro genitori e i bambini più grandi. Quest’ultimi si fanno tutori dei bambini piccoli e li introducono alla vita della scuola.
ATTIVITA’
- Festa dell’accoglienza
- Attività ludico didattiche condivisePER CHI
- Per i bambini di I elementare, col supporto dei bambini di V elementare.
- Per i bambini che iniziano la scuola dell’infanzia, col supporto dei bambini degli ultimi anni.
QUANDO
All’inizio dell’anno scolastico, in orario curriculare
VERIFICA E VALUTAZIONE
Interviste ai bambini e alle famiglie, confronto fra i docenti coinvolti e la F.O. di riferimento.

Progetto scuola aperta

Alla fine di ogni anno scolastico, la nostra scuola organizza i giorni della scuola aperta. E’ un momento particolarmente sentito dagli alunni e dalle famiglie.
In quest’occasione, la scuola si apre al mondo esterno con mostre, manifestazioni, spettacoli, attività sportive e ludiche, momenti di festa. Vi partecipa tutta la comunità scolastica: bambini, insegnanti e genitori.
Il fine è quello di far conoscere all’esterno le attività della nostra scuola, offrire ai bambini un tempo e uno spazio di condivisione generalizzato dei loro lavori, creare un momento di socializzazione, gioia e festa collettiva.
ATTIVITA’
socializzazione di alcuni percorsi e progetti didattici
mostra di materiali
animazione/spettacolo
gioco, danza, musica, convivialità.
PER CHI
Per tutti gli insegnanti, i bambini e i genitori, di scuola dell’infanzia ed elementare, che intendano parteciparvi.
QUANDO
Alla fine dell’anno scolastico, in orario curriculare ed extra curriculare.

Progetto per bambini in situazione di handicap - Insieme… per “costruire”

Anche per i bambini in situazione di Handicap, è previsto un percorso laboratoriale extra curriculare, col fine di migliorarne l’integrazione e di offrire loro ulteriori possibilità di sviluppo di abilità manuali, motorio-prassiche e creative.
ATTIVITA’
Il tema guida sarà costituito dal recupero dei giochi , delle filastrocche, delle conte, canti e proverbi della tradizione locale.
Giochi motori strutturati
Giochi di mimo, di drammatizzazione…
Interpretazione di testi in vernacolo
PER CHI
Tutti gli alunni portatori di handicap e gruppi di 3/4 bambini per ognuna delle loro classi di appartenenza.
DOCENZA
2 insegnanti: una di sostegno e una curiculare
QUANDO
15 incontri settimanali di 1 ora ciascuno ; in orario extra curriculare, da febbraio a maggio.
VERIFICA E VALUTAZIONE
Confronto fra i docenti, a cura della F.O. di riferimento.

Progetto solidarietà

La nostra scuola organizza eventi di sensibilizzazioine al problema della povertà dei popoli del cosiddetto “terzo mondo”, e non solo, con la testimonianza concreta dell’ impegno.
ATTIVITA’
Scuola elementare
- Attività di sensibilizzazione e informazione
- Tombolata di Natale.
Nel periodo natalizio organizziamo una grande tombolata con tutti i bambini della scuola con l’obiettivo di raccogliere fondi che vengono inviati a padre Giuseppe Bomnsa in Camerun e che li utilizza per iniziative umanitarie.
Scuola dell’infanzia
Raccolta di viveri per aiutare le famiglie bisognose di Putignano. In collaborazione con alcune Associazioni di volontariato

Progetto sull’affido familiare

La nostra scuola collabora attivamente con il Comune di Putignano alla realizzazione di questo progetto che mira a promuovere, anche nel nostro comune, la cultura e la pratica dell’affido familiare.
A tal fine la nostra scuola organizza esperienze mirate a diffondere la cultura dell’accoglienza e dell’affido presso le famiglie ed offre collaborazione agli interventi degli operatori del Comune.
ATTIVITA’
Oltre ad un impegno quotidiano e generalizzato alla formazione di una cultura dell’accoglienza, del senso di appartenenza e del “prendersi cura” di ognuno per ognuno, sono previste iniziative specifiche:
- Proiezioni di films a tema
- Drammatizzazioni
- Incontri di sensibilizzazione e confronto
- Manifestazione cittadina conclusiva
PER CHI
Tutte le classi degli insegnanti che vorranno aderire
QUANDO
Ottobre- novembre 2003
VERIFICA E VALUTAZIONE
Osservazione dei processi; questionario conclusivo.
A cura del docente Coordinatore (Funzione strumentale incaricata)

Il Carnevale

La festa del Carnevale è particolarmente sentita dalla nostra comunità. Anche la nostra scuola vi aderisce con attività varie.
ATTIVITA’
Visita ai laboratori di cartapesta
Festa in costume
Eventuale partecipazione alla sfilata.
PER CHI
Per tutti i bambini delle classi che vorranno partecipare
QUANDO
In orario extra curriculare

Progetto Natale

Il Natale rappresenta, per il suo forte valore simbolico, un significativo momento didattico e sociale. La scuola organizza momenti generali di condivisione fra le classi e con le famiglie.

Visite guidate e viaggi di istruzione

La nostra scuola organizza visite guidate e viaggi di istruzione con la finalità di far conoscere direttamente agli alunni aspetti storico-geografici del nostro territorio .
I viaggi di istruzione e le visite guidate possono avere come meta luoghi del nostro territorio più prossimo o anche luoghi di regioni limitrofe.
PER CHI
Tutti gli alunni
QUANDO
In orario curriculare ed extra curriculare.

Non uno di meno

Progetto legato alle attività di prevenzione della dispersone scolastica.
Il fenomeno “dispersione scolastica” non riguarda solo forme di abbandono scolastico vero e proprio - comunque inesistenti nella nostra scuola - ma tutte quelle situazioni di difficoltà scolastica ( disturbi dell’apprendimento, disadattamento, demotivazione, difficoltà socio-affettive, caduta della motivazione, scarsa autoefficacia…) che possono preludere a una qualsiasi forma di insuccesso scolastico.
La nostra scuola intende intervenire in modo strutturale su questi casi, elaborando un piano di interventi di sistema che possano essere di sostegno ai bambini, alle famiglie e ai docenti coinvolti in queste dinamiche.
Il progetto prevede per quest’anno, la formazione di un gruppo di lavoro, formato da docenti, che progetti e realizzi formazione specifica sulle problematiche più significative, costituisca un’archivio di materiali ed esperienze, costruisca o rinforzi la rete con gli altri Enti del territorio, progetti modelli di intervento a favore degli alunni, delle famiglie e dei docenti.
A partire dal prossimo anno si potrebbero già organizzare percorsi specifici per il trattamento delle diverse problematiche presenti: corsi per il recupero, attività di potenziamento, attività di apprendimento accelerato…
In prospettiva queste attività diventerebbero strutturali: una componente stabile della nostra offerta formativa.
ORGANIZZAZIONE
Per quest’anno scolastico è prevista la formazione del gruppo di lavoro.
Il gruppo sarà formato da circa dieci docenti, che vorranno liberamente aderire, e sarà coordinato dal referente alla dispersione scolastica.
ATTIVITA’
Il gruppo di lavoro si occuperà di:
- Elaborare un piano di attività
- Ricercare contatti e costruire reti con chi si occupa già di questi problemi
- Curare momenti di autoformazione e formazione di gruppo
- Monitorare la quantità e la qualità delle difficoltà di apprendimento presenti fra i bambini della nostra scuola
- Progettare e organizzare percorsi di formazione per tutti i docenti
- Costituire un archivio di materiali, modelli di esperienze…
- Progettare e organizzare attività specifiche per i bambini che ne hanno bisogno.
QUANDO
Incontri mensili, a partire da gennaio.
VERIFICA E VALUTAZIONE
Incontri di valutazione; diario dei lavori; stesura di una valutazione conclusiva condivisa.
A cura del docente coordinatore.

Progetto Comenius

La nostra scuola ha attivato contatti preliminari con alcuni partner europei al fine di elaborare un progetto Comenius.
Il progetto avrà durata di almeno tre anni e si propone di promuovere scambi culturali fra diverse scuole europee e di avviare fra di esse progetti di rete e intercultura.
Obiettivo intrinseco sarà l’approfondimento della conoscenza delle lingue e delle culture di altri Paesi europei.

Attività in collaborazione con enti esterni

La nostra scuola favorisce la collaborazione con enti, Associazioni, professionisti esterni che propongono attività o percorsi didattici extra curriculari, purché questi non comportino costi per l’amministrazione scolastica. Le proposte pervenute saranno sottoposte all’attenzione dei docenti che potranno, se lo riterranno opportuno, stabilire modi e tempi di eventuali collaborazioni.

Progetto “Cicla che ti ricicla”

Progetto in rete con il 1° Circ. Did. “G. Minzele” di Putignano.
Il progetto è finalizzato a promuovere una cultura della cura e della tutela dell’ambiente e all’assunzione e alla diffusione di comportamenti ecologici più attenti all’utilizzo delle risorse.

ATTIVITA’
- Attività formative sul riciclaggio dei rifiuti
- Attività ludico-laboratoriali su raccolta differenziata e riciclaggio
- Visite ad aziende che operano il riclaggio

PER CHI
Tutte le classi degli insegnanti che vorranno aderire

QUANDO
Gennaio-giugno 2004

torna su
home bacheca l'Istituto area
insegnanti
area
genitori
area
alunni
spazio
interattivo
attività varie mappa

copyright 2002/2014 - tutti i diritti sono riservati